banner ad

FOCUS – Le avversarie europee dell’Arsenal

| settembre 11, 2014 5:51 pm

Liverpool

Diciassette. Un numero che può assumere qualsiasi significato. Per l’Arsenal, tuttavia, è un dato fondamentale visto che esprime le qualificazioni consecutive alla fase a gironi della Champions League della squadra londinese, uno score di tutto rispetto. Nonostante ciò, per i più superstiziosi questo numero non è da annoverare tra i più fortunati ed il caso vuole che la buona sorte non abbia baciato i Gunners al momento dei sorteggi, avvenuti il giorno 28 agosto scorso nel Principato di Monaco. Nel gruppo D, infatti, sono stati estratti dalle urne insieme all’Arsenal, testa di serie, il Borussia Dortmund, il Galatasaray e l’Anderlecht. Tutte squadre degne di rispetto che renderenno ostico il passaggio del turno ai londinesi che, comunque, restano favoriti insieme al Borussia Dortmund.

La squadra giallonera allenata da Jurgen Klopp, per il secondo anno consecutivo nel girone dell’Arsenal, è quella maggiormente dotata tecnicamente e, soprattutto, quella più esperta a livello internazionale. Nonostante la cessione di Robert Lewandowski, infatti, il Borussia Dortmund ha mantenuto l’ossatura della scorsa stagione, puntellando l’attacco con il bomber nostrano Ciro Immobile, arrivato in Germania prime dell’inizio dei mondiali. Immobile andrà a completare un attacco formato da Aubameyang e dal gioiellino Marco Reus, attualmente fuori per l’ennesimo infortunio ad una caviglia. Nel complesso, gli uomini di Klopp hanno iniziato piuttosto bene questa stagione, con la vittoria contro il Bayern Monaco in Supercoppa di Germania a garantire che questa squadra può dire ancora molto, sia in ambito nazionale che continentale.

Un altro scoglio piuttosto arduo per l’Arsenal sarà rappresentato dal Galatasaray, allenato dall’ex commissario tecnico della nazionale italiana: Cesare Prandelli. La squadra di Istanbul viene da due ottime annate in Champions sotto la guida di Terim prima e Mancini poi, e punta a ripetersi anche in questa stagione nonostante il complicatissimo girone D. Il ritorno di Drogba al Chelsea ha forse indebolito l’attacco dei turchi rispetto alla scorsa stagione, nonostante l’arrivo di un calciatore esperto come Goran Pandev, acquistato insieme a Dzemaili dal Napoli. A livello tattico, di certo, cambierà molto rispetto alla gestione Mancini, visto il possibile passaggio ad un modulo ad albero di natale che permetta a Sneijder e Pandev di supportare ed innescare Burak Yilmaz, ormai un veterano nelle competizioni europee.

A chiudere il Gruppo D di questa Champions League è l’Anderlecht, da molti vista come squadra cuscinetto rispetto alle 3 grandi protagoniste di questo girone. Nonostante queste valutazioni la compagine belga ha iniziato alla grande la propria stagione, conquistando contro il Lokeren la Supercoppa del Belgio e partendo fortissimo in campionato con 14 punti in 6 partite giocate. A livello tattico l’Anderlecht scende solitamente in campo con uno spregiudicato e particolare 4 3 3 caratterizzato dagli inserimenti del numero 10 Praet a sostegno del tridente composto dagli esterni Acheampong e Kabasele e dal centravanti Mitrovic.

 

Post Footer automatically generated by wp-posturl plugin for wordpress.

Category: Arsenal, Champions ed Europa League, Home