banner ad

Championship Review: 7a giornata

| settembre 17, 2014 1:07 am

Reading

Turno infrasettimanale in Football League Championship, con partite giocate su due giorni, Martedì sera e Mercoledì sera, ecco cosa è successo in questa prima giornata che si è disputata in due orari diversi, il consueto delle 20:45 e con due partite iniziate alle 21:00 Reading-Millwall e Bolton-Rotherham, in attesa delle partite di domani tra Blackburn-Derby County e Nottingham-Fulham:

Brentford-Norwich 0-3.
Goals: Redmond, doppietta Jerome.

Turno che agevola la rincorsa al primo posto del Norwich, che in attesa del posticipo del Nottingham a Griffin Park rifila un secco tre a zero alla matricola Brentford, grazie ai goal di Redmond e di uno scatenato Jerome autore di una doppietta. La squadra più costosa della serie raggiunge quindi il primo posto ed ora punta forte al ritorno in massima serie.

Blackpool-Watford 0-1.
Goal: Vydra.

Approfitta del fatto che il Nottingham disputerà il posticipo, per superarlo e porsi al secondo posto in classifica anche il Watford di Oscar Garcia, gli Hornets vincono a Bloomfield Road oramai terra di conquista, ma faticando più del previsto, passano infatti solo grazie ad un calcio di rigore concesso per atterramento di Lloyd Dier subentrato a McGugan solo cinque minuti prima e realizzato da Vydra. I padroni di casa per altro avrebbero un ghiotta occasione per pareggiare, quando a dieci minuti dal termine viene concesso un rigore anche ai Pools, sprecato da Nile Ranger che lo calcia fuori. La situazione per il Blackpool ora è davvero drammatica un punto in sette gare è troppo poco per una squadra che sembra non attrezzata minimamente per la salvezza.

Charlton-Wolverhampton 1-1.
Goals: Bikey-Amougou (C), Batth (W).

E per sessantaquattro minuti culla il clamoroso sorpasso al Nottingham capolista anche il Charlton, che a The Valley sta disputando un ottimo avvio di stagione, avendo conquistato tre vittorie su tre incontri. La striscia però è destinata a chiudersi oggi. Nonostante la partenza sia come sempre sprint dei padroni di casa, che a metà primo tempo passano in vantaggio grazie al mastodontico centrale difensivo camerunense Bikey-Amougou, sganciatosi in area avversaria per un calcio da fermo. Come anticipato il vantaggio non regge, di fronte infatti ci sono i Wolves, che anche in caso di vittoria potrebbero superare i Forest, devono invece accontentarsi solo del pari, maturato grazie al goal di Batth.

Birmingham-Sheffield Wednesday 0-2.
Goals: May, Helan.

Può sognare in grande anche lo Sheffield Wednesday questa sera, espugnando St.Andrews infatti gli Owls ottengono il dodicesimo punto in sette partite che vuol dire settimo posto. I Blues provano a reggere l’onda d’urto avversaria, ma capitolano al sessantasettesimo, quando il tandem offensivo Nuhiu in versione assist man e May in versione finalizzatore confezionano il goal dell’uno a zero, di li in poi è tutto più facile perché il Birmingham è costretto a scoprirsi ed al novantesimo subisce il letale contropiede che chiude il match fissandolo sul due a zero, a segnare curiosamente è proprio il subentrante di chi aveva marcato a metà ripresa, il francese Jérémy Hélan entrato per Stevie May.

Cardiff-Middlesbrough 0-1.
Goal: Kike.

Se il Norwich rispetta il suo pronostico di favorita al ritorno in Premier League, lo stesso non si può dire del Cardiff di Ole Gunnar Solskjær, che a questo punto potrebbe vedere la sua panchina scricchiolare, il norvegese infatti ad oggi ha ottenuto solo due vittorie, per altro mai fuori casa, proprio l’andamento positivo a Cardiff City Stadium faceva ben sperare per questo incontro, ma la squadra parte subito male, subendo dopo cento secondi la rete di Kike che spiana la strada al Boro e non rendendosi mai capace di impensierire la porta presidiata da Konstantopoulos, impegnandolo solo una volta in novanta minuti.

Ipswich-Brighton & Hove 2-0.
Goals: Parr, Murphy.

Vincono in casa i Tractor Boys, contro un Brighton sempre più in basso in classifica. I padroni di casa ci impiegano molto però a sbloccare la partita ed anzi spesso potrebbero anche subire una rete dagli ospiti, poi a dieci minuti dal termine il terzino norvegese Parr pesca il jolly giusto che porta i tre punti ai padroni di casa, che anzi al novantesimo raddoppiano anche con la punta Murphy approfittando di una disattenzione dei difensori del Brighton ormai concentrati anche loro nel tentativo di creare problemi alla porta di Gerken.

Bournemouth-Leeds 1-3.
Goals: Surman (B), Doukara (L), Bellusci (L), Antenucci (L).

Nei match tra squadre di medio bassa classifica, torna a respirare a Dean Court il Leeds. Nonostante dopo sei minuti sembrasse la solita giornata sfortunata per i Whites, in svantaggio per via del goal di Surman, nella ripresa il Leeds, vince convincendo, vanno per altro nel tabellino tre giocatori che hanno disputato la serie A italiana e tutti e tre con la stessa maglia, quella del Catania, segna prima la punta Doukara, poi il difensore Bellusci ed infine la longeva punta Mirco Antenucci al primo goal in terra straniera.

Huddersfield-Wigan 0-0.

Altro match di bassa classifica è quello in scena a John Smith’s Stadium, dove i Terriers ospitano il Wigan. A differenza di tutte le altre partite della sera però Né l’Huddersfield né i Latics riescono a segnare e questo fotografa a pieno il momento triste e di difficoltà di entrambi i club, i portieri Smithies e Carson non sono quasi mai impegnati e se per l’Huddersfield che ha come obiettivo la salvezza tutto sommato questo potrebbe essere ritenuto un punto guadagnato, per il Wigan è l’ennesimo passo falso e nonostante siamo solo a Settembre, la squadra sembra lontana parente di quella che la scorsa stagione disputo ben figurando quattro competizioni.

Reading-Millwall 3-2.
Goals: doppietta Cox (R), Blackman (R), Fuller (M), Beevers (M).

La partita più bella tra quelle disputate nell’orario ritardato di quindici minuti è sicuramente quella del Madejski Stadium, non solo perché giocano due tra le squadre che meglio hanno iniziato la stagione, ma anche per i tanti capovolgimenti di fronte. Un uomo però farà pendere l’ago della bilancia dalla sua parte, Simon Cox e chissà che non lo stia rimpiangendo Stuart Pearce che questa Estate l’ha lasciato partire da Nottingham. L’irlandese oggi è in serata si e dopo sei minuti timbra il cartellino, i Royals poi aumentano il parziale prima che l’arbitro fischi due volte, con Blackman che segna un calcio di rigore, che lui stesso si era procurato venendo falciato in area da Webster. Ma i Lions con la consueta grinta che li contraddistingue al termine della prima frazione accorciavano le distanze con il bomber Jamaicano Fuller. Nel secondo tempo poi il Millwall completava la rimonta pareggiando con Beevers. Ma al termine della partita ancora Cox coadiuvato dall’assist del compagno Blackman dava i tre punti al Reading ora sesto in classifica.

Bolton-Rotherham 3-2.
Goals: Wordsworth (R), tripletta Mason (B), Bowery (R).

A giudicare da questa serata sembra ci sia una magia diversa tra le partite iniziate alle nove meno un quarto e quelle iniziate alle nove, come quella a Madjeski Stadium infatti anche questa a Macron Stadium è MERAVIGLIOSA ed anche in questo caso c’è un protagonista su tutti ed è Joe Mason, in prestito dal Cardiff che ha un attacco estremamente sterile e che Ole Gunnar Solskjær non può non essersi pentito di aver lasciato partire, l’attaccante irlandese, che a differenza di Cox non ha mai vestito la maglia della sua nazionale toglie letteralmente le castagne dal fuoco ai Wanderers grazie ad una provvidenziale tripletta che arriva dopo il goal dell’uno a zero dei Millers siglato da Wordsworth e dopo che Bowery per gli ospiti aveva impattato sul due a due la partita all’ottantaduesimo. L’irlandese sale quindi agli onori delle cronache e si porta a casa il pallone per via dell’hattrick, come sale in classifica il Bolton che ottiene così la sua prima vittoria stagionale.

Post Footer automatically generated by wp-posturl plugin for wordpress.

Category: Football League Championship