banner ad

Che emozioni al Parco dei Principi: tra PSG e City né vinti, né vincitori

| aprile 6, 2016 10:39 pm

"Paris Saint-Germain v Manchester City FC - UEFA Champions League Quarter Final: First Leg"

L’atmosfera è da brividi al Parco dei Principi. In palio c’è il passaggio alle semifinali di Champions League. Paris Saint-Germain e Manchester City si sfidano nel tentativo di ipotecare la qualificazione alla fase successiva del torneo continentale. Non mancano gol ed emozioni, in un match senza vinti e vincitori. Il primo tempo inizia su ritmi concitati. Al settimo minuto Di Maria premia un inserimento di Matuidi che, a tu per tu con Hart, viene travolto da Mangala. L’arbitro però lascia correre clamorosamente. Sono solo le prove generali per il calcio di rigore che arriva puntuale al dodicesimo minuto, per il fallo di Otamendi su David Luiz. Dagli undici metri si presenta Ibrahimovic che però si lascia ipnotizzare dall’estremo difensore dei Citizens. Poco prima della mezz’ora è ancora lo svedese a mettere paura alla retroguardia ospite: servito benissimo da Thiago Motta, l’ex Milan non riesce a trovare la porta per pochi centimetri. I due spaventi svegliano Aguero e compagni, che iniziano a prendere in mano le redini del gioco. A sbloccare il match ci pensa Kevin De Bruyne, sfruttando al meglio il contropiede orchestrato da Fernandinho. Nemmeno il tempo di esultare che il Paris Saint-Germain rimette in equilibrio la gara: questa volta Ibra non sbaglia e fissa il risultato sull’1-1 al termine del primo tempo. La seconda frazione è vivace e intesa come la prima. Entrambe le compagini vogliono andare avanti nella competizione. L’agonismo non manca, anzi. Al sessantesimo, Rabiot completa la rimonta parigina: calcio d’angolo di Di Maria, Hart salva su Cavani, ma non può nulla sul tap-in del giovane centrocampista. La squadra di Pellegrini è alle corde, quella di Blanc cerca allora di calare il tris. L’occasione più ghiotta capita sulla testa di Ibrahimovic, solo la traversa gli nega la gioia della doppietta. Gol sbagliato, gol subito. Nemmeno dieci minuti dopo, Fernandinho, sveste i panni di assist-man per indossare quelli di goleador: pasticcio della difesa di casa e gol del brasiliano. Tanti cambi da una parte e dall’altra concludono una sfida ricca di emozioni e colpi di scena. Servirà il match di ritorno per capire chi prevarrà. Per il momento è un pari. Spettacolo, ma sempre di pareggio si tratta.

Post Footer automatically generated by wp-posturl plugin for wordpress.

Category: Champions ed Europa League, Home, Manchester City