banner ad

Storia del Club – Newcastle

Newcastle upon Tyne, città situata sulla costa britannica nord-orientale, è celebre fondamentalmente per due icone, entrambe omonime della città stessa: la birra, una delle più famose d’Inghilterra e del mondo, e il Newcastle United Football Club. Sembra riduttivo, ma quando si passeggia nel centro città è impossibile non far caso all’imponente struttura di St. James’ Park (oggi rinomato Sports Direct Arena per raccapriccianti logiche commerciali), palcoscenico in cui ha preso forma il mito di un club ultracentenario, la cui storia sarà composta da ingredienti dolci ed amari.

La prima FA Cup

Correva l’anno 1882, quando da una branca dello Stanley Cricket Club, nacque l’East End FC, prima società calcistica della città, cui si sarebbe fusa dieci anni dopo l’altra metà rappresentata dal West End FC, dando vita al Newcastle United Football Club. I primi anni del XX secolo consacrarono immediatamente la squadra tra le più competitive d’Inghilterra. Il club vinse il titolo per ben tre volte nel giro di quattro anni (1905, 1907, 1909), facendo erroneamente presagire un futuro radioso. In concomitanza con questi successi, la squadra raggiunse per ben cinque volte la finale di FA Cup, riuscendo ad alzarla solamente nel 1910, sconfiggendo al replay il Barnsley per 2-0. L’unica macchia di quella che per sempre passerà alla storia come l’era gloriosa del Newcastle fu la sconfitta interna per 9-1 patita per mano dei rivali storici del Sunderland, umiliazione che renderà l’astio della Toon Army, il nome con cui si identifica il tifo più caldo dei Magpies, nei confronti dei rivali ancor più marcato.

Il Newcastle tornò ad alzare le braccia al cielo nel 1924, quando i Magpies sconfissero l’Aston Villa, aggiudicandosi la seconda FA Cup. Tre anni più tardi, il club tornò a vincere il campionato grazie alla straordinaria vena realizzativa di Hughie Gallagher, centravanti storica della Toon. Questo sarà l’ultimo trionfo in campionato del Newcastle. Gli anni ’50 furono l’ultima era brillante della squadra bianconera, con ben tre FA Cup nel 1951,1952 e 1955, ma, come accaduto per il campionato, anche la FA Cup non sarà più alzata dai Magpies, bensì solo sfiorata nel 1974, quando il cammino della squadra si interruppe in finale contro il Liverpool. Tuttavia nel 1969, il Newcastle vinse il suo primo e finora unico trofeo europeo- non riconosciuto dall’Uefa – della sua storia, alzando la Coppa delle Fiere, dopo aver battuto gli ungheresi dell’Ujpest in finale.

La Coppa delle Fiere

I decenni successivi furono bui per i Magpies, in una continua altalena tra la First e la Second Division, nonostante giocatori del calibro di Kevin Keegan, una leggenda dalle parti St. James’ Park. Negli anni ’80 le casse del club erano costantemente in rosso, tanto che i primi anni ’90 furono trascorsi all’insegna della triste Second Division. A salvare il club da un’umiliante retrocessione in Third Division e dalla bancarotta fu, guarda caso, Kevin Keegan, tornato in veste di allenatore, il quale guidò la squadra alla promozione e ripopolò gli spalti di St. James’ Park.

Alan Shearer

Dopo l’Europeo del 1996, un ragazzo che aveva contribuito a realizzare il miracolo del Blackburn campione d’Inghilterra, di nome Alan Shearer, preferì ascoltare il cuore ed accasarsi alla squadra per cui tifava da bambino, piuttosto che andare a giocare per il Manchester United, dove avrebbe vinto tutto. I Magpies lo pagarono 15 milioni di sterline, lui li ricompensò con 206 goal ed il primo posto nella classifica all time dei marcatori del Newcastle.

Filippo Benincampi – Football-please.com