banner ad

ManU v. Everton 1-0: decide Anthony Martial

| aprile 3, 2016 7:02 pm

goal

Dopo il derby, vince ancora il Manchester United, ‘sta volta ad Old Trafford contro l’Everton di Roberto Martínez. I “Red Devils” si tengono, cosí, appesi alla lotta per i posti Champions, confermando il -1 dai rivali cittadini del City e lasciandosi alle spalle il West Ham United, fermato ieri sul pari dal Crystal Palace. Per i “Toffies”, invece, è la terza sconfitta consecutiva, la quarta nelle ultime cinque gare, risultati negativi che li lasciano a metá classifica, in un anonimo 12° posto.
Non è stato un bel match, con un primo tempo lento e privo di occasioni. Nessun gol, ma bisogna cercar bene anche per trovare una azione pericolosa delle due squadre. Ed alla fine non si va oltre un pericolo diagonale di Anthony Martial, finito di poco alla destra del portiere spagnolo Joel Robles nelle prime battute di gara. Per il resto niente, con un Manchester United volenteroso ma con grosse difficoltà a mettere in fila tre passaggi palla a terra, senza nessuno che facesse girare la palla e finendo spesso ad affidarsi ai lanci lunghi di Daley Blind per il giovane Rashford, ben controllato dalla coppia centrale Jagielka-Stones. L’Everton, da parte sua, sembrava soddisfatto di gestire il pari, facendo girar palla nella propria trequarti ma incapace di trovar Lukaku davanti, lasciato troppo solo da un Deulofeu ancora una volta fumoso.
Nella ripresa Louis Van Gaal ha cercato un pó piú di spinta inserendo il diciottenne olandese Timothy Fosu-Mensah per l’argentino Marcos Rojo. E, sará grazie al giovane neo entrato oppure no, ma il risultato arriva: Mata sulla destra serve l’inserimento di Rashford, che fa passare per la sovrapposizione di Fosu-Mensah, bravo a cercare con un raso terra Martial dalla parte opposta, con la palla che passa tra i due centrali dell’Everton ed il francese che di sinistro segna l’1-0 (millesimo gol del Manchester United ad Old Trafford in Premier League). È il 54’ e la rete almeno obbliga l’Everton a cercare di giocare in modo piú propositivo. La reazione è immediata e si concretizza in un colpo di testa spedito contro la traversa da Phil Jagielka. E, realmente, l’Everton non fa molto di piú. Anche perché Van Gaal inserisce subito Ander Herrera per abbassare (ulteriormente) i ritmi del gioco. Soprattutto perché l’Everton non dimostra di avere i mezzi per reagire, per portare la palla su e permettere a Lukaku di fare il suo lavoro. Roberto Martínez prova a scuotere i suoi inserendo Kevin Mirallas per l’inutile Deulofeu, ma non basta: alla fine di occasioni pulite non arrivano e gli unici pericoli vengono creati su palla in attiva, soprattutto con Jagielka, che a dieci minuti dalla fine impegna De Gea. Il finale è attesa del fischio dell’arbitro, che chiude il match dopo 80’’ secondi di recupero, decretando la fine sul risultato di Manchester United 1 – Everton 0.

TABELLINO
Manchester United: De Gea; Varela, Smalling, Blind (dall’82’ A. Valencia), Rojo (dal 54’, Fosu-Mensah); Schneiderlin, Carrick (dal 58’, A. Herrera); Mata, Lingard, Martial; Rashford.
Everton: Joel R.; Coleman, Stones, Jagielka, Baines; McCarty, Cleverley; Deulofeu (dal 63’, Mirallas), Barkley (dall’87’, Niasse), Lennon; Lukaku.

Gol: 54’ Martial.

 

Mario Cipriano

Post Footer automatically generated by wp-posturl plugin for wordpress.

Category: Everton, Home, Manchester United, Premier League