banner ad

PAGELLE MANCHESTER CITY – De Buyne incantevole, Gundogan decisivo. Guardiola fa scacco matto al Barcellona

| novembre 1, 2016 10:43 pm

de-bruyne

 

CABELLERO 6 – Incolpevole sul gol di Messi, poi spettatore non pagante della seconda frazione di gioco. Da sicurezza a tutto il reparto arretrato.

ZABALETA 6 – Contiene come può l’estro di Neymar, che lo mette spesso in difficoltà. L’argentino non perde mai la calma e riesce sempre ad uscire dalle situazioni complicate. Una certezza per la difesa del city.

OTAMENDI 6 – Inzia la partita lento e impacciato, esce con il passare dei minuti. Marca a uomo Suarez, senza lasciargli spazio per gli inserimenti. Buono anche in fase di impostazione, il lavoro di Guardiola si vede soprattutto nel plasmare la mentalità dei suoi giocatori e l’argentino è l’esempio lampante.

STONES 5.5 – In ritardo sul gol di Messi, poi per il resto comanda la difesa da veterano. Deve ancora dimostrare tutto il suo valore, ma la strada intrapresa è quella giusta.

KOLAROV 6 – Soffre tantissimo i movimenti ad uscire di Suarez, ma in fase avanzata è il più pericoloso dei suoi. Tutti i pericoli dei Citizen partono dai suoi piedi. Guardiola in settimana ha cercato di stimolarlo a fare meglio, la prestazione è arrivata, ma questo Kolarov è ancora lontano dagli standard a cui ci ha abituato

FERNANDINHO 6 – Molto il lavoro sporco fatto dal brasiliano, il primo ad alzare il pressing della squadra. Usa spesso le maniere dure su Rakitic, esce stremato tra gli applausi dei propri tifosi.

STERLING 7 – Partita di grande sacrificio per l’inglese preziosissimo soprattutto in fase difensiva. Poco lucido sotto porta, anche se il gol di Gundogan del pareggio nasce da una sua invenzione

DE BRUYNE 8- Il giocatore chiave nello scacchiere di Guardiola sforna un’altra prestazione da incorniciare. Regala il vantaggio ai suoi con un’autentica perla su punizione, corre a tutto campo, dettando sempre i tempi di gioco.

GUNDOGAN 7.5 – Doppietta, per una partita che ricorderà per tutta la vita. Il mister gli ordina inserimenti senza palla e lui applica alla perfezione i movimenti. In fase di non possesso palla accorcia sempre per far diventare il centrocampo a cinque, viceversa in fase di possesso diventa la spalla in attacco di Aguero. La mossa vincente della partita.

SILVA 6.5 – Raddoppia sempre Rakitic e si incolla ai piedi di Gomes. Lavoro di grande sacrificio quello dello spagnolo, ma ogni volta che tocca palla, Etihad viene illuminato dalle sue giocate di pura classe.

AGUERO 7 – Si carica l’attacco sulle spalle, con le sue giocate mette in difficoltà tutto il reparto arretrato del Barcellona. Digne non lo prende praticamente mai così Umtiti quando gli parte tra le linee. Protagonista di un episodio dubbio sulla terza rete del city, per un presunto assist di mano. Uno dei migliori in campo.

FERNANDO 6 – Continua il lavoro fatto di corsa e pressing fatto da Fernandinho, decisivo in copertura sulle palle alte.

JESUS NAVAS 6.5 – Decisivo nel terzo gol di Gundogan, crea spazi laterali per le giocate di De Bruyne.

NOLITO S.V

GUARDIOLA 8 – Il Leonardo da Vinci del calcio dimostra ancora una volta di essere sempre un passo avanti a tutti. Lancia spazio a Gundogan e De Bruyne di inserirsi, mette Silva marcatore a uomo su Gomes, così vince la partita a scacchi contro Luis Enrique. Scacco matto al re Messi e al suo amato barca.

Post Footer automatically generated by wp-posturl plugin for wordpress.

Category: Champions ed Europa League, Home, Manchester City